Politica

Riforma costituzionale, cosa cambierebbe qualora dovesse prevalere il Si?

Ecco cosa cambierebbe se dovesse vincere il SI al prossimo Referendum:

Camera: I deputati resterebbero 630 e continuerebbero ad essere eletti a suffragio universale. Ma la Camera sarebbe l’unica a votare la fiducia.Senato: Si comporrebbe di 95 membri eletti nei Consigli Regionali con metodo proporzionale (21 sindaci e 74 consiglieri-senatori). Sarebbero i cittadini ad indicare, al momento di eleggere i Consigli Regionali, quali consiglieri saranno anche senatori. I Consigli, dunque, sarebbero tenuti a ratificare tale scelta. I membri del Senato così composto, rimarrebbero in carica per la stessa durata del loro mandato territoriale.

Altri 5 senatori verrebbero nominati dal Capo dello Stato che rimarrebbero in carica per 7 anni. Questi andrebbero a sostituire gli attuali Senatori a vita che, ad oggi, comprendono i presidenti della Repubblica che hanno cessato il mandato e le personalità che hanno “illustrato la Patria per altissimi meriti in campo sociale, scientifico, artistico e letterario”.

Il nuovo Senato avrebbe competenza legislativa piena solo su riforme e leggi costituzionali. Per quanto riguarda le leggi ordinarie, potrà chiedere alla Camera di modificarle. Ma la Camera non sarà tenuta a dare seguito alla richiesta.

Se il Senato chiedesse alla Camera di modificare una legge che riguarda il rapporto Stato-Regioni, l’assemblea di Montecitorio potrebbe respingere tale richiesta soltanto a maggioranza assoluta.

Immunità: I nuovi senatori godrebbero delle stesse tutele dei deputati: non potranno essere arrestati o sottoposti ad intercettazione senza l’autorizzazione del Senato.

Il Presidente supplente: La seconda carica dello Stato passerebbe dal Presidente del Senato al Presidente della Camera. Spetterebbe però al Presidente del Senato il compito di convocare il Parlamento in seduta comune (entro 15 giorni, salvo il maggior termine in caso di prossimità dello scioglimento della sola Camera), nella circostanza in cui il Presidente della Camera eserciti le funzioni del Presidente della Repubblica perché quest’ultimo non può adempierle per impedimento permanente, morte o dimissioni.

Limiti su decreti legge: I Regolamenti parlamentari dovranno indicare un tempo certo per il voto dei ddl del governo. Verrebbero introdotti limiti al governo sui contenuti dei decreti legge.

Corte Costituzionale: Dei 15 giudici Costituzionali, 3 verrebbero eletti dalla Camera e 2 dal Senato.

Ricorso preventivo su leggi elettorali: Verrebbe introdotto il ricorso preventivo sulle leggi elettorali alla Corte Costituzionale su richiesta di un quarto dei componenti della Camera. La possibilità di ricorso preventivo è già presente in questa legislatura tra le norme transitorie. Quindi anche l’Italicum potrebbe finire all’esame della Corte.

Elezione Presidente della Repubblica: Con il ‘Senato delle autonomie’, sparirebbero i “grandi elettori”. Nei primi quattro scrutini, sarebbero sufficienti i due terzi dei componenti di Camera e Senato (730 persone); dal quinto scrutinio, i tre quinti; dal nono, sarebbe sufficiente la maggioranza assoluta.

Titolo V, Competenze Stato-Regioni: Verrebbero riportate in capo allo Stato alcune competenze in materia di energia, infrastrutture strategiche e sistema nazionale di protezione civile. Su proposta del Governo, inoltre, la Camera potrebbe approvare leggi anche nei campi di competenza delle Regioni “quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale”.

Abolizione Province: Già trasformate in via transitoria in Enti di secondo livello, le Province sono in Costituzione. La loro cancellazione diverrebbe definitiva con l’approvazione della Riforma Costituzionale.

Abolizione Cnel: Con la Riforma verrebbe abrogato il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, organismo – composto da 64 Consiglieri più il presidente – pensato nel 1948 come raccordo tra società civile e Palazzi della politica.

Cambiano i Referendum: Rimarrebbe la soglia di 500mila firme per presentare un quesito referendario. Raccogliendo più di 800mila firme, si abbasserebbe il quorum: non più calcolato sugli aventi diritto, ma sul numero dei votanti all’ultima tornata elettorale. Basterebbe la metà di questi ultimi per renderlo quindi valido.

Introduzione referendum propositivi: Già in uso in molti Paesi europei, l’istituto costituirebbe una grande novità per il nostro ordinamento: una forma di partecipazione diretta del popolo al processo legislativo. Avrebbe il vantaggio di interrogare direttamente la popolazione su temi di grande attualità.

Leggi di iniziativa popolare: Salirebbero da 50mila a 150mila le firme necessarie per presentare un ddl di iniziativa popolare. I regolamenti della Camera dovrebbero però indicare tempi precisi di esame, clausola ad oggi inesistente.

 

Clicca qui per vedere le principali materie di scontro fra i sostenitori del Si e quelli del No.

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.