Cucina

Patate al forno, così non si attaccano e non si spappolano

Patate al forno, come si fanno?

Come si fanno le patate al forno? Se ve lo state chiedendo, siete nel posto giusto. Le patate al forno sono una prelibatezza in cucina. Ma prepararle può risultare spesso più facile da dirsi che da farsi. Vi è capitato che si siano attaccate alla teglia? O che siano venute come se fossero state bollite anziché cotte al forno? Vi sarà capitato sicuramente. Seguite questi semplici consigli e non accadrà più nulla di tutto questo. Perché la vita da studente fuorisede può essere meno amara se si è capaci di preparare piatti del genere in maniera ottimale.

1. Pelare le patate

Per fare patate al forno degne di questo nome, non si può trascurare il primo passaggio: pelare le patate. Potete aiutarvi con un pela patate: guadagnerete tempo e fatica rispetto all’utilizzo di un semplice coltello. Qualcuno dirà: “E grazie!”. Ma non tutti i passaggi sono banali e scontati per tutti. Leggete il prossimo, ad esempio.

2. Tagliare le patate

Una volta pelate le patate, dovete tagliarle. Attenzione! Questa operazione non va trascurata. E per ottenere delle ottime patate al forno, non potete tagliarle come capita. Dovete sapere che dietro la tecnica alla base del taglio delle patate vi è addirittura uno studio dell’ università alberghiera Edge Hotel School. Quindi, la questione è seria. Provare per credere.

La superficie esterna della patata è fondamentale per la corretta cottura interna della patata. Quindi, per fare delle ottime patate al forno, dovete prestare attenzione a questo aspetto. Una volta tagliata la patata longitudinalmente, ogni metà ottenuta va divisa in tre parti. Ogni parte deve misurare più o meno un angolo di 60°. Come avrete potuto capire, sono tutti tagli longitudinali: ogni patata verrà così divisa in sei spicchi. Ogni spicchio, se vi sembra troppo grande, potete dividerlo a metà orizzontalmente.

3. Bollire le patate

Ottenuti così gli spicchi di patate, questi vanno tenuti per 5 minuti in una pentola con acqua in ebollizione. Questa operazione è fondamentale se non volete che le vostre patate al forno si spappolino sulla teglia. Le patate in ebollizione rilasciano l’amido, responsabile dell’eccessiva morbidezza. Passati i 5 minuti, le patate vanno scolate e passate sotto l’acqua fredda.

4. Asciugare e condire le patate

Questa operazione vi faciliterà il passaggio successivo: le patate vanno infatti asciugate per bene con un panno. Una volta asciugate, le patate possono essere condite a piacimento. Io consiglio: sale, olio, uno spicchio d’aglio in camicia e rosmarino. Fatelo in una planetaria, in modo da riuscire distribuire più facilmente gli odori e i condimenti.

5. Infornare le patate

Ora le vostre patate sono pronte per essere infornate. Servitevi di una teglia e di un foglio di carta forno. Distribuite bene le patate sulla teglia ed infornate in forno preriscaldato. La temperatura dipende dal forno stesso. Io, con un forno elettrico mediocre, imposto la temperatura massima: 220° C. Potrebbero essere sufficienti 20 minuti di cottura. Poi potrebbe essere necessario girare le patate e farle cuocere ancora per qualche minuto.

Gustare le patate!

Il risultato saranno delle patate al forno perfette: non si attaccano, non si spappolano e sono leggerissime. La leggerezza e il suono che fanno – quando spostate – contraddistinguono delle ottime patate al forno da una mera bozza di patate al forno. Le fate così anche voi? Oppure no? Fatemi sapere!

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...