Attualità

Thai Cave Rescue: la storia nella storia che merita di essere ricordata

Sono stati giorni di angoscia: le notizie frammentarie, le immagini, le ricostruzioni del luogo. Si è fatta fatica anche solo a seguire da lontano questa vicenda. L’abbiamo seguita tutti, con partecipazione. Quella partecipazione insita dell’essere umani e dell’aver a cuore le sorti di ragazzini capitati, loro malgrado, in un incubo.

L’incubo è finito. Tutto è andato come si sperava che andasse. Iniziano a circolare le immagini dei giovani calciatori in ospedale. Fanno tenerezza. Si apprende che per tirarli fuori dalla grotta di Tham Luang i soccorritori abbiano dovuto sedarli. Poco importa. C’è stato il lieto fine. Il finale che tutti ci auguravamo si è concretizzato.

I piccoli potranno ora riabbracciare le loro famiglie. Avranno da festeggiare, per il pericolo scampato. La vita continua. La vita e la speranza hanno vinto. Ma c’è qualcuno che non potrà dire altrimenti. C’è una storia in questa storia che stona con tutto il resto. La storia è quella di uno dei primi soccorritori dei dodici ragazzini e del loro allenatore.

Il pensiero ora corre a Saman Gunan, uno dei primi soccorritori, che ha rinunciato alle ferie e che in quella grotta ha perso la vita. Il pensiero della gioia delle famiglie dei sopravvissuti non può che accompagnarsi a quello per la famiglia di Saman. È una storia nella storia, ma che merita di essere ricordata.

Annunci

2 risposte »

  1. Aggiungo una considerazione su un caso dove NON ci fu il lieto fine: ricordo benissimo il caos incredibile che si verificò al pozzo di Vermicino dove era precipitato uno sventurato (era il 1981)
    C’erano migliaia di curiosi e centinaia di giornalisti. Toccava al Prefetto di Roma mantenere l’ordine e allontanare chi intralciava le operazioni. Non ci riuscì, né la prima sera né dopo.
    Al contrario in Thailandia i militari hanno predisposto due accampamenti: uno per i familiari e uno per i medici. E hanno mantenuto il campo totalmente sgombro dai curiosi.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...