Cilento

Valle dell’Angelo, “Padre Pio vuole girare”, frate Fabiano presenta le reliquie del Santo

Le reliquie di San Pio a Valle dell’Angelo

Ieri, sabato 28 luglio, Valle dell’Angelo ha abbracciato le sacre reliquie di San Pio. Insieme agli abitanti del piccolo borgo cilentano, fedeli e semplici curiosi accorsi dai paesi vicini ad assistere all’evento, da più parti definito storico.

Al centro della scena, oltre alle reliquie di San Pio, il confratello del frate di Pietrelcina Riccardo Fabiano. Accolto dal parroco del posto, don Aniello Palumbo, il frate ha saputo fin da subito conquistare l’entusiasmo degli astanti: “Che fate qua? Chi aspettate?”. Qualcuno ha timidamente risposto: “Padre Pio”; qualcun altro: “San Pio”. Da lì il racconto del suo incontro con il Santo di Pietrelcina, avvenuto quando frate Fabiano aveva quattordici anni: correva l’anno 1954.

cilento_valle_dell_angelo_san_pio_07-29-102070689636212941770.jpg

Cilento, a Valle dell’Angelo, frate Riccardo Fabiano, custode delle reliquie di San Pio

“Mi apparve un personaggio”

Citando le parole del Santo, il frate ha raccontato la seconda apparizione di cui Padre Pio ha lasciato testimonianza: “Il 20 settembre 1918, mentre stavo dinanzi al crocifisso, mi apparve all’occhio della mente un personaggio. Non lo chiama Gesù”. “Un personaggio che aveva le mani, i piedi e il costato grondanti sangue”, ha aggiunto.

“Padre Pio era da solo, in quel momento. Era tempo di Guerra. Ed il Superiore era via. Per i primi tempi, non si è saputo niente”, dice Fabiano. In seguito, i superiori chiesero spiegazioni dell’accaduto. E da quel momento la vicenda è divenuta nota.

Il guanto di San Pio

“Questo è il mezzo guanto che Padre Pio ha usato nel 1962”, frate Fabiano ha annunciato così la teca contente la prima reliquia. “Durante la Messa, per rispetto a Gesù, Padre Pio toglieva i guanti. Il più della volte, alla fine della Messa, venivano restituiti altri guanti a Padre Pio”, racconta il frate.

valle_dell_angelo_reliquie_san_pio_20180729_1849493054574152662682395.jpg

Valle dell’Angelo, Don Aniello Palumbo con le reliquie di San Pio

Padre Pio Cireneo

“Uaglio’, dove stanno i miei?”, chiedeva Padre Pio quando si accorgeva che i guanti non erano i suoi. “Per cinquant’anni, ha portato le stesse ferite che di Gesù. Non si sono mai infettate; né sono mai guarite”, ha aggiunto Fabiano, presentando il reliquiario contenente alcune delle croste del Santo. Del reliquiario esistono tre copie, una delle quali è custodita dal Papa. Sopra vi è raffigurato Padre Pio Cireneo, con la croce sulle spalle. “Padre Pio vuole girare”, assicura il frate, scherzando sulla tortuosità della strada che ha condotto lui e le reliquie a Valle dell’Angelo.

cilento_valle_dell_angelo_san_pio_20180729_1851113034871126077649803.jpg

Valle dell’Angelo, il reliquiario di San Pio

Le immagini

Ed ecco le immagini video dell’accoglienza di Valle dell’Angelo e del Cilento alle reliquie di San Pio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.