Calcio

Juve-Inter 1-0 | Buona Inter, ma quel male antico…

Juve-Inter 1-0, la decide Mandzukic su assist dell’ex Cancelo che sfrutta un buco nel settore destro della difesa interista. Ma l’Inter c’è.

Se il metro di paragone di questa Inter è la Juve, non si può fare altro che prendere nota degli undici punti di distacco in classifica, ora diventati 14. Ma nella nota va tenuto conto del fatto che la Juve è lassù da anni. L’Inter ci sta arrivando ora. E la partita dello Stadium ha confermato la crescita della squadra di Spalletti.

Una crescita che passa attraverso l’acquisizione di consapevolezza dei propri mezzi e che si riflette nel gioco e nella personalità espressi già nella partita dell’Olimpico contro la Roma. Contro i giallorossi, l’Inter avrebbe potuto e avrebbe dovuto portare a casa i tre punti. La sconfitta contro la Juve avrebbe acquisito, in quel caso, un peso differente.

Nessun tiro, nessuna parata

Eppure, l’Inter ha da rimproverarsi qualcosa nell’ottima prestazione di ieri sera. Il possesso palla coraggioso dei nerazzurri ha prodotto tre occasioni nitide non sfruttate. Clamoroso il palo colpito da Gagliardini sulla sponda, spalle alla porta, di Icardi. Murata da Chiellini, invece, l’occasione confezionata dallo scambio fra lo stesso Icardi e Politano nel secondo tempo. Nel mezzo, la proiezione offensiva di Skriniar che manca l’impatto con la palla e che si è conclusa con lo scontro fra Icardi e Perisic.

L’Inter continua a mancare di lucidità nelle scelte e nella qualità della giocata negli ultimi metri. Costruisce bene, ma porta a casa molto poco: non si ricordano parate di Olsen a Roma, come non se ne ricordano di Szczesny ieri sera. Non può essere colpa di Spalletti.

Joao Mario!

Al minuto 65, il tecnico di Certaldo si agita e si sgola in panchina per richiamare Joao Mario all’attenzione, su un calcio di punizione battuto dai bianconeri nella propria metà campo. Il portoghese, fino a lì pressoché perfetto, si assenta mentalmente dalla partita. Ne approfitta un altro portoghese, Cancelo, che, sapientemente spostato a sinistra da Allegri, buca Vrsaljko e trova Mandzukic sul secondo palo. Forse, Asamoah avrebbe potuto rimediare all’errore nato sul settore opposto a quello di sua competenza. Ma questa Juve la risolve spesso nei dettagli. E l’Inter, nei dettagli, è ancora fragile.

95 minuti su 95

Lo stesso Gagliardini, protagonista del palo nerazzurro, ha sottolineato il fatto che l’Inter deve migliorare dal punto di vista della continuità all’interno dei 90 minuti. È un male antico. E ogni tanto si ripresenta, sibillino ma doloroso. Difficile chiedere conto a Spalletti degli errori dei singoli. Altrettanto difficile imputare al tecnico di Certaldo le scelte dei cambi effettuati allo Stadium.

Le sostituzioni di Spalletti

Nella logica della partita, l’ingresso di Borja Valero ci stava: voleva tenere maggiormente palla, in un momento in cui la squadra faceva fatica a costruire; lo spagnolo è, insieme a Brozovic, l’unico che ha i tempi del gioco. Per di più, nelle altre occasioni in cui è stato chiamato in causa, Borja ha dato il suo ineccepibile contributo. Politano dopo l’occasione fallita è sparito dal campo, forse anche perché in affanno dal punto di vista fisico. Keita e Lautaro, ad un certo punto, li devi rischiare. Il senegalese sta crescendo. Il Toro si è dimostrato vitello, dopo l’ottimo scambio con Icardi, ciabattando la conclusione in porta.

Testa a martedì

Una sconfitta è sempre dura da digerire. Ma la crescita dell’Inter è sotto gli occhi di tutti. E anche se non è la Juve, l’Inter può dirsi finalmente squadra. Martedì, a San Siro, si giocherà gran parte del suo futuro contro il PSV. Dovrà ripetere le ultime prestazioni e sperare che arrivino buone notizie da Barcellona, ovviamente. La strada intrapresa dagli uomini di Spalletti sembra essere quella giusta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.