Attualità

Protesta pastori sardi Anela: “Situazione è degenerata…” (Esclusiva)

Protesta pastori sardi Anela, il racconto di Pierangelo e dei pastori del piccolo comune in provincia di Sassari. Domenica hanno lavorato il latte in piazza ed hanno donato gratuitamente formaggio e ricotta.

La protesta dei pastori sardi è arrivata, negli ultimi giorni, sotto la luce dei media nazionali. Ma è una protesta che va avanti da anni. Si tratta di una protesta rimasta inascoltata per molto, troppo tempo. La quasi totalità della popolazione sarda ha attività commerciali legate direttamente o indirettamente al mondo dell’allevamento e della pastorizia.

La storia che stiamo per conoscere è quella di Pierangelo Fortunato. Arriva dal piccolo comune di Anela: 629 abitanti, in provincia di Sassari. La sua attività commerciale è iniziata con suo nonno, nel 1927. E, come gran parte delle attività commerciali sarde, si lega indissolubilmente alla pastorizia. Nella giornata di domenica, Pierangelo e gli altri pastori di Anela hanno lavorato in piazza 3mila litri di latte. La ricotta ed il formaggio prodotti sono stati donati gratuitamente ai presenti. Ecco la testimonianza video. Di seguito, l’intervista.

Anela (Ss), pastori lavorano il latte in piazza

Nella giornata di domenica, 10 febbraio 2019, la protesta dei pastori sardi di Anèla si è concretizzata in un forte gesto simbolico: il latte è stato lavorato nella piazza del paese. Circa 3mila i litri di latte lavorati. Il formaggio e la ricotta ricavata sono stati donati gratuitamente. La video testimonianza inviataci da Pierangelo Fortunato.

 

Protesta pastori sardi Anela, il racconto di Fortunato

La protesta dei pastori sardi di Anèla attraverso il racconto fornitoci da Pierangelo Fortunato, commerciante del piccolo comune in provincia di Sassari. Le sue parole.

Buon giorno, Pierangelo. Stiamo leggendo, in questi giorni, della protesta dei pastori sardi. Ma mi pare di capire che la protesta va avanti da un po’ di tempo…

Si, la protesta a livello mediatico è uscita da poco. Perché hanno cercato un po’ di oscurarla. Comunque, adesso è uscita a livello nazionale. Speriamo che qualcuno faccia qualcosa.

La tua attività è legata alla pastorizia?

Si. Alla fine, i sardi bene o male siamo tutti legati al mondo della pastorizia. Anche chi ha altre attività. Il 70% dell’economia trainante della Sardegna è legata alla pastorizia. Quindi, siamo tutti pastori. Io sono un commerciante. La mia attività è legata alla pastorizia.

Da quanti anni svolgi la tua attività? Da quanto c’è invece questa protesta? E quando, secondo te, è cambiato tutto?

La nostra attività è iniziata nel 1927, con mio nonno. Sto con i pastori perché comunque la mia attività è legata al 100% a loro. Oltre tutto, siamo molto uniti nel mio paese. E stiamo portando avanti questa protesta insieme a tutti i pastori sardi. Il cambiamento c’è stato un po’ di anni fa. Con il Movimento dei Pastori Sardi c’erano stati già i primi focolai di protesta. Ma ultimamente la situazione è degenerata. Noi in paese, ad esempio, abbiamo una cooperativa nella quale il latte viene pagato 51 centesimi a litro. Mediamente in Sardegna, attualmente, il prezzo va in media tra i 50 ed i 58 centesimi. E devi pensare che il latte di pecora, solo per entrare in produzione, va a 70 centesimi. Quindi, è come buttarlo a terra praticamente: come se andassi a mungere le pecore ed il latte lo lasciassi cadere a terra.

La protesta è in itinere…

Stasera abbiamo una riunione con tutti i pastori. Qua comunque c’è da fare. Ci sono presidi che vanno avanti da quattro o cinque giorni, nel caseificio dei Pinna di Thiesi, che sono gli industriali del latte, i più importanti in Sardegna. Ci sarà anche l’amministrazione comunale che ci sta supportando.

Ci lasciamo con la promessa di risentirci in serata per gli aggiornamenti.

Gli altri articoli sulla protesta dei pastori sardi:

 

 

Annunci

2 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.